Lavoro da pc, tablet e documento con checklist

Artigiani, commercianti, piccole e medie imprese: tutte queste realtà imprenditoriali sono soggette a interruzioni di attività, a danni al patrimonio e a gravose responsabilità nei confronti di terzi.

Non esistono settori lavorativi che si possono definire ‘sicuri’: certamente esistono imprese che sono maggiormente esposte a determinati rischi, ma in nessun caso si può fare a meno di una buona Polizza per l’impresa e pretendere di dormire sonni tranquilli.

Le polizze per l’impresa obbligatorie

Quale assicurazione dovrebbe scegliere una PMI? Va da subito ricordato che la Legge italiana prevede l’obbligatorietà di talune polizze assicurative specifiche riguardanti i potenziali danni che un’impresa potrebbe generare a terzi.

Quando si parla di una polizza per l’impresa non si può dunque fare a meno di pensare alla Responsabilità civile, che nasce per l’appunto dall’obbligo di risarcire i danni.

E come sanno fin troppo bene tutti gli imprenditori, ci sono molti modi attraverso i quali un’azienda può causare accidentalmente dei danni a terzi: pensiamo ad una disattenzione di troppo dei dipendenti, o ad un difetto particolarmente pericoloso di un prodotto.

E la Responsabilità civile assume varie forme nell’universo delle polizze per le imprese. Nello specifico va considerata la Responsabilità civile verso i dipendenti, obbligatoria per legge, per coprire eventuali infortuni avvenuti sul luogo di lavoro, o eventuali malattie professionali riconosciute dall’Inail. Già qui si possono palesare i primi problemi nello stipulare la Polizza d’impresa più adatta al proprio scopo, in quanto talvolta queste assicurazioni coprono solamente i lavori dipendenti propriamente detti e non, per esempio, i lavoratori atipici. Al momento della stipula questi dettagli potrebbero passare del tutto inosservati ma, in caso di incidente, la differenza tra una polizza e l’altra potrebbe risultare enorme: accorgersi troppo tardi di non avere un’assicurazione che copre tutte i propri dipendenti, infatti, potrebbe essere fatale per qualsiasi tipo di azienda.

Sempre restando nell’ambito della Responsabilità civile, un’azienda, al momento della scelta della propria Polizza per le imprese, deve anche pensare al fatto che la sua responsabilità verso danni a terzi continua anche dopo la vendita di un prodotto.

Polizze d’impresa non obbligatorie

Diverse categorie di responsabilità civile impongono ovviamente polizze d’impresa differenti, e a questo vanno a sommarsi determinate differenze a livello regionale. Un esempio su tutti: laddove in alcune Regioni le agenzie di viaggio sono obbligate a stipulare una Polizza per la responsabilità civile nei confronti dei propri clienti, lo stesso obbligo è del tutto inesistente in altre Regioni.

Esistono poi altre polizze per le imprese totalmente facoltative ma di volta in volta consigliate, pensate appositamente per tutelare le imprese in un mercato dove, oltre alla competizione serrata e alle difficoltà degli iter burocratici aziendali, si somma una sempre più complicata gestione del rischio.

Rientrano in questa area le Polizze relative ai rischi correlati alle persone che, pur non essendo dipendenti, entrano in contatto con l’azienda, come i clienti e i fornitori.

Sono poi da valutare i rischi relativi ai beni aziendali, quali impianti produttivi e attrezzature professionali, che in molti casi raggiungono costi notevoli. A mettere in difficoltà un’impresa ci può poi pensare il mercato stesso: una polizza che copre i rischi del mercato, per esempio, può soccorrere un’azienda messa in difficoltà dal fallimento di un cliente.

Ci sono poi le varie assicurazioni contro i furti, contro gli incendi e via dicendo: ogni impresa, per quanto riguarda le assicurazioni, è un universo a sé, e proprio per questo non è facile individuare le giuste polizze e personalizzarle a dovere.

Una semplice svista potrebbe mettere a repentaglio il tuo business: non permettere che questo accada, affidati ai nostri consulenti per mettere al sicuro la tua impresa!

Esponici le tue esigenze La prima consulenza è sempre gratuita

    I dati inseriti in questo modulo saranno utilizzati al solo scopo di fornire le informazioni richieste e sono soggetti al massimo riserbo, in piena ottemperanza della normativa vigente sulla privacy, non potranno essere divulgati a terzi senza esplicito consenso dell'interessato.